Festa del Dono e Festival della Complessità: volontari e scuole per promuovere il meglio della gente

Versione stampabileVersione stampabile

ICS Padre PioSono quei momenti in cui si sente di respirare “aria pulita”, tra i sorrisi diffusi e i contenuti pregnanti dei messaggi che vengono lanciati. La “Festa del Dono” del Gruppo Fratres “Gabriella” e il “Festival della Complessità” promosso dal “Cerchio delle donne”, con il magnifico coinvolgimento di altre Associazioni e delle scuole cittadine di ogni ordine e grado: due eventi collettivi riuniti assieme a promuovere il meglio della gente, a partire dalle nuove generazioni, tra tante iniziative socioculturali di una città in complessa crescita.

A venire in soccorso alle necessità ospedaliere catanesi, venti i donatori che si sono generosamente presentati all’autoemoteca Fratres accanto alla Chiesa Madre, il cui parroco Giovanni Condorelli ha voluto benedire in piazza tutto il volontariato misterbianchese. Un ambiente colorato di giochi e di bambini, cui affidare un futuro migliore da costruire fin d’ora, con gli stand promozionali sul sangue e sul volontariato e le “bancarelle” di dolci offerti da varie mamme e pasticcerie. «Un momento annuale forte, cui assieme alla “Misericordia” teniamo molto – ci dice la nuova presidente del Gruppo, Katya Spadafora – per promuovere il dono di sé in ogni suo aspetto, tra cui il riscontro alla costante necessità di sangue. E i nostri sforzi sono ripagati dalla sensibilità di tanti che rispondono al nostro appello di solidarietà e condivisione. Speriamo di poter fare sempre meglio assieme, noi e la comunità locale».

Proprio accanto, lungo la via Giordano Bruno, nell’ambito della partecipazione al “Festival nazionale della Complessità”, il “serpentone” dei cartelloni degli alunni degli Istituti comprensivi Leonardo da Vinci e Pitagora su svariati temi importanti come la percezione, la molteplicità, l’umanità, la scienza, la salute, la storia, la visione di genere. Riflessioni, elaborati e messaggi davvero impressionanti, frutto dell’ottimo lavoro svolto dagli insegnanti; ed ottimi video al Teatro comunale. Con un magnifico seguito poi nelle frazioni, dove all’Ics Padre Pio la “complessità” si è espressa attraverso cartelloni, musiche, canti, danze, narrazioni, video e tecnica, a cura degli Istituti Padre Pio, Don Lorenzo Milani e Leonardo Sciascia, con la collaborazione della Cooperativa Marinella Garcia; un trionfo di partecipazione e di qualità.

Roberto Fatuzzo
La Sicilia
27/05/2018

tags: