Discarica abusiva a Misterbianco, sequestrata un'area di 6000 mq

Versione stampabileVersione stampabile

arrestoIl proprietario di una discarica abusiva, ritenuto responsabile di esercizio abusivo di professione, violazione di sigilli e di reati ambientali e' stato denunciato da agenti del commissariato Nesima. Durante un servizio di controllo del territorio e' stata individuata nella zona di Misterbianco, un'area di circa 6 mila mq. apparentemente incolta, nella cui parte piu' interna era stata ricavata una zona recintata su cui veniva abusivamente praticata attivita' di autodemolizione e riparazione di autovetture.

Da indagini svolte, si e' venuti a conoscenza che l'area era stata precedentemente posta sotto sequestro per motivi analoghi, ma nonostante tutto, ancora utilizzata per la suddetta attivita' illecita. Gli agenti hanno inoltre appurato che, parte dell'area in questione e' stata adibita a discarica di rifiuti a cielo aperto, altamente pericolosi per la salubrita' dei luoghi a causa degli sversamenti diretti di liquidi oleosi e inquinanti. Per questi motivi, il proprietario dell'attivita' e' stato indagato in stato di liberta' poiche' esercitava arbitrariamente la professione di meccanico e autodemolitore, violando i sigilli apposti e per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti solidi urbani, nocivi per la salute ed altamente inquinanti. Al titolare e' stato intimato di ripristinare la salubrita' dei luoghi, mentre l'area e' stata posta sotto sequestro preventivo.

nuovosud.it
23/06/2018

tags: